LO SPOSO CI PRENDE PER MANO DESTANDOCI DAL PECCATO PER CONDURCI NELL’AMORE CHE SERVE GRATUITAMENTE

Nell’antichità la febbre era considerata un calore innaturale: non è naturale per nessuno vivere senza servire. Non siamo stati creati per galleggiare senza forze sui giorni, spossati dalla febbre che ci “distende” sul letto al pari di una tomba, come suggerisce l’originale greco. La febbre è infatti il sintomo di un’infezione che corrode il cuore e ci obbliga sul letto dell’egoismo, dove ci rifugiamo per sfuggire alle incombenze serie della vita che ci chiamano a sacrificarci e a donarla. Ma c’è la Chiesa nostra madre premurosa, che si preoccupa per noi e ne parla con il suo Signore, perché sa che spesso è molto più fecondo parlare a Dio degli uomini che non di Dio agli uomini. Come accadde per la suocera di Pietro, è necessario che qualcuno si faccia voce e grido che accompagnino Gesù al capezzale di chi nemmeno quello può fare. La Chiesa sa che la salvezza di ogni uomo si gioca nello spazio di un incontro d’amore capace di guarire gratuitamente e riconsegnare alla vita che Dio ha pensato al momento della creazione. Non a caso i verbi che descrivono il miracolo di Gesù ci riportano a Sicar, presso il pozzo di Giacobbe, dove Giacobbe incontrò Rachele innamorandosene così intensamente da riuscire a sollevare una pesantissima pietra adagiata sul pozzo e permettere così al gregge della giovane di abbeverarsi. Un midrash racconta che ciò fu possibile perché “una rugiada di risurrezione discese dai cieli su Giacobbe rendendolo coraggioso e forte. Grazie a questa potenza, rotolò la pietra dalla bocca del pozzo, e le acque salirono dalle profondità, traboccarono e inondarono”. In virtù della stessa potenza discesa dal Cielo come una rugiada di risurrezione – profezia di quando avrebbe rotolato la pietra del suo sepolcro – Gesù si accostò alla suocera di Pietro, la prese per mano e la fece alzare dal letto, ormai capace di servire i suoi ospiti. Il miracolo, molto più di una semplice guarigione, consiste in un cambio di natura; nella Chiesa rappresentata dai discepoli che conduce con sé, come uno sposo innamorato Gesù si accosta a noi sua sposa per sollevare la pietra che ci chiude nel peccato e risuscitarci nella sua vita che zampilla per l’eternità. Solo chi ha dentro la vita di Cristo non vive più per se stesso ma nel servizio gratuito. Per donarsi infatti, è necessario essere liberi come Lui, che non si trattenne nel luogo dove tutti venivano a “braccarlo”, secondo l’originale greco, lo stesso verbo utilizzato per l’inseguimento del Popolo di Israele da parte dell’esercito del Faraone. Come Mosé uscì dall’Egitto alla testa del Popolo, anche Gesù doveva “uscire” dalla morte sul far del mattino, per condurre l’umanità fuori dalla schiavitù del peccato. Così, perdonati e usciti con Lui dalla schiavitù del peccato, anche noi potremo servire offrendo la nostra vita a chi, in noi, “bracca” l’amore autentico che non ha mai incontrato, la rugiada capace di riscattare ogni vita.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...