Seguire Cristo gridando il “noi” che ci salva

404-2_560

Venerdì della I settimana di Avvento

Anche oggi Gesù si sta “allontanando” dai nostri luoghi, dai pensieri e dai progetti, dalle abitudini e dai nostri egoismi, per attiraci dietro a Lui, come fece con i “due ciechi” hanno cominciato a seguirlo. Quando si allontana è perché, come lo Sposo del Cantico dei Cantici, vuole innescare in noi il desiderio di Lui, sino a che il suo Nome ci diventi familiare, come il bisogno che abbiamo di respirare.  Non si volta e non si ferma per farci crescere sino alla fede adulta attirandoci nella sua casa, che nella Scrittura significa anche “famiglia”; capite? ci chiama oggi a seguirlo per entrare nella sua intimità dove i “due ciechi” aprono gli occhi per riconciliarsi e amarsi. I ciechi, infatti, sono due, ovvero “io” e il “tu” che oggi non riesco proprio a vedere, e che per questo, “rendo colpevole con le mie parole”. Tu e tua moglie o tuo marito, tu e i tuoi genitori, tu e il fratello che ritieni responsabili della tua sofferenza. Hai creduto alla menzogna del demonio, hai peccato, e ora non vedi più l’amore di Dio, e per questo accusi l’altro: sei cieco e quindi obbligato a immaginare l’altro: avrà pensato questo, avrà detto questo, avrà fatto questo…. E’ solo immaginazione, eppure il demonio riesce a convincerti che sia reale, e così odi, disprezzi, e cancelli dalla tua vita. Anche se l’altro ti avesse fatto davvero del male, tu non soffri per quello, ma per il veleno che ti esce dal cuore e ti impedisce di vederlo nella luce di amore e misericordia dello sguardo di Cristo. Sì, abbiamo tutti bisogno di incontrare questo sguardo, l’unico che può strapparci alla menzogna. Abbiamo bisogno di camminare dietro a Cristo e gridare. Non importa se oggi sei ancora cieco e hai rancore per il fratello. I due ciechi del Vangelo hanno seguito Gesù così come erano, ma hanno gridato insieme: questa è la fede secondo la quale Gesù ha potuto guarirli! Non hanno gridato “abbi pietà di me!”, ma “abbi pietà di noi!”. Fratelli, oggi il Signore ci chiama a seguirlo così come siamo, ciechi; sa che inciamperemo e sbatteremo contro i piloni della luce, rischiando di finire sotto una macchina. Non importa! Accogli l’altro nel grido verso Gesù. Cammina dietro a Cristo nella comunità cristiana portando nel cuore colui con il quale continui a litigare e recriminare, al quale ti avvicini solo per saziarti del suo affetto. Grida includendo nella tua preghiera chi non riesci più a vedere come fratello, marito, moglie, padre o madre. Basta questo. Te lo ripeto, non importa se oggi sei ancora pieno di giudizi e rancori, perché non potrai amare l’altro sino a che non incontrerai lo sguardo di Cristo su di te. Per questo Gesù vi attira e vi porta dietro a Lui lasciandovi ciechi, cioè schiavi del peccato. Lui infatti è la garanzia della salvezza, perché, dopo il tempo necessario, vi farà entrare in “casa” per chiedervi: “credete voi che io possa fare questo?”. Allora scoprirai che quel “noi” con il quale hai accolto l’altro nel tuo grido obbedendo e seguendo Cristo in un serio cammino di fede ti ha fatto crescere nella fede. Allora dirai “si o Signore”, tu puoi aprirmi gli occhi perché hai già cominciato a farlo aprendomi il cuore dove hai fatto, a poco a poco, grido dopo grido, un po’ di posto per l’altro. Puoi aprirmi gli occhi perché mi hai fatto camminare accanto a chi non riuscivo a vedere, implorando per lui la stessa pietà che chiedevo per me. Nel bisogno e nel grido mi hai già aperto all’altro, per questo credo che tu puoi aprirmi gli occhi sul tuo amore perché possa vedere la storia e le persone attraverso il tuo sguardo. E scoprire che immaginando si sbaglia sempre, mentre non si sbaglia mai quando, con gli occhi aperti su Cristo, si guarda l’altro attraverso l’amore con cui si è inchinato a perdonare e risuscitare entrambi. Camminiamo e gridiamo in questo Avvento, per giungere nella “casa” di Gesù, ovvero la stalla di Betlemme dove prostraci e contemplare l’amore infinito di Dio che tocca e guarisce i nostri occhi per riconciliarci con chi Lui ci ha messo accanto.

QUI IL COMMENTO AUDIO
QUI IL COMMENTO COMPLETO

 

 

Annunci

Un pensiero riguardo “Seguire Cristo gridando il “noi” che ci salva

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...